venerdì, Gennaio 27, 2023
venerdì, 27 Gennaio 2023
HomeMusicaLirica"Boris Godunov" debutta con gli UNDER30

“Boris Godunov” debutta con gli UNDER30

Boris Godunovdebutta con gli UNDER30. L’attesissima opera inaugurale musicata da Modest Petrovič Mussorgskij comincia dai ragazzi con la cosiddetta “primina” in programma domenica 4 dicembre, alle ore 18, per un pubblico giovane di ragazzi e ragazze UNDER30 al costo di 20 euro a biglietto.

LA “PRIMINA” IN VIDEO DEL 4.12.2022

DIRETTA DI RAI NEWS 24

 

Un’intensa espressione del volto del Maestro Riccardo Chailly che dirige l’opera “Boris Godunov” di Mussorgskij in anteprima il 4 dicembre, alle ore 18, per gli UNDER30 (Foto di Marco Brescia & Rudy Amisano – Teatro alla Scala)

LA SERATA DEL 4 DICEMBRE UNDER30

E’ questo il battesimo dello spettacolo che il 7 dicembre, alle ore 18, inaugura nel giorno di Sant’Ambrogio, patrono di Milano, la stagione 2022/2023 del Teatro alla Scala di Milano. Come ogni anno, dal 2008, chi ha meno di 30 anni ha la sua Prima a pochi giorni dal 7 dicembre.

Con l’”Anteprima” culmina un’offerta per i più giovani che dura tutto l’anno e si allarga alla fascia dai 30 ai 35. La serata del 4 dicembre segnerà anche l’inizio della campagna del Teatro alla Scala per far votare Villa Verdi a Sant’Agata tra i Luoghi del Cuore del FAI. Un’altra serata, lunedì 21 novembre, ha riunito in un Gala alcuni dei più bei nomi della lirica per la medesima causa.

La Villa appartenuta al grande compositore è oggi chiusa al pubblico e destinata alla vendita. Il Teatro alla Scala ha scelto proprio la serata dedicata ai ragazzi per lanciare la sua campagna di sensibilizzazione.

Il basso russo Ildar Abdrazakov (Boris Godunov) in prova con il regista dello spettacolo Kasper Holten (Foto di Marco Brescia & Rudy Amisano – Teatro alla Scala)

Diretto dal Maestro Riccardo Chailly, con la regia di Kasper Holten e l’interpretazione, nel ruolo del titolo, del basso russo Ildar Abdrazakov, questo “Boris Godunov” che debutta con gli UNDER30 ha visto anche quest’anno i biglietti andare esauriti in pochi minuti. E’ la testimonianza dell’interesse del pubblico più giovane per l’opera e per il balletto.

L’ANTEPRIMA UNDER30 DI “BORIS GODUNOV”

LA TRADIZIONE SCALIGERA D’ATTENZIONE AI GIOVANI

A questa fascia di pubblico il Teatro alla Scala dedica un’attenzione particolare fin dagli anni di Paolo Grassi quando fu fondato il Servizio Promozione Culturale che, ancora oggi, porta in teatro decine di migliaia di ragazzi ogni anno.

IL PROGETTO UNDER30

Dal 2008 poi il progetto UNDER30 permette, a chiunque abbia meno di 30 anni, di assistere, in anteprima, allo spettacolo inaugurale della Stagione, ma soprattutto di abbonarsi e partecipare a un fitto calendario di iniziative e incontri che dura tutto l’anno.

L’”Anteprima”, dove “Boris Godunovdebutta con gli UNDER30, diviene così l’occasione per scoprire il Teatro alla Scala e conoscere le possibilità di accesso agli spettacoli con il Pass UNDER30 e le formule di abbonamento dedicate. E il 15 dicembre tocca aLo Schiaccianocicon cui s’inaugura la Stagione di Balletto 2022/2023 al Teatro alla Scala.

Un momento dell’opera “Boris Godunov” che inaugura, il 7 dicembre, con Anteprima UNDER30, il 4 dicembre, alle ore 18, la Stagione d’opera lirica 2022/2023 del Teatro alla Scala di Milano (Foto di Marco Brescia & Rudy Amisano – Teatro alla Scala)

Le due Anteprime di apertura della Stagione 2022/2023, con l’operaBoris Godunov” del 4 dicembre e il ballettoLo Schiaccianoci” del 15 dicembre, registrano ancora una volta il tutto esaurito e una richiesta di posti sempre molto superiore alle disponibilità, aprendo le porte del Teatro a quasi 4.000 ragazzi.

In queste due serate, il Gruppo Giovani dell’Associazione Milano per la Scala coinvolge inoltre decine di giovani della rete di appassionati “Juvenilia“. Ragazzi e ragazze provenienti da tutto il mondo: Argentina, Austria, Francia, Germania, Irlanda, Messico, Norvegia, Olanda, Portogallo, Spagna.

LE NOVITA’ PER I GIOVANI DELLA STAGIONE 2022/2023  

Dalla Stagione 2022/2023 le due tradizionali proposte di fidelizzazione under30, il Pass e l’Abbonamento, si estendono anche alla fascia 30/35, affiancate dalle nuove iniziative “Giovedì 30/35” e “Insieme in palco”.

IL PASS UNDER30 E 30/35

Il Pass Under30 e 30/35 permette di entrare nella Community di giovani appassionati della Scala e di scoprirne la vita in backstage, garantendo l’accesso a prove d’insieme e visite guidate al Teatro, al Museo e ai Laboratori, oltre a promozioni speciali sugli spettacoli, con riduzioni dal 25% al 80%. Tutto questo al costo di 10€ per tutta la Stagione.

Un istante delle prove di “Boris Godunov” con il Coro del Teatro alla Scala e il regista della messinscena Kasper Holten (Foto di Marco Brescia & Rudy Amisano – Teatro alla Scala)

GLI ABBONAMENTI UNDER30 E 30/35

Gli “Abbonamenti Under30 e 30/35″ sono il terzo passo per essere a tutti gli effetti uno spettatore fedele del Teatro alla Scala. Includono quattro spettacoli a data fissa (opera, balletto o concerti) a un prezzo di partenza di poco più di 20 € a spettacolo. Tra i momenti unici per i giovani Abbonati, prima di ogni loro rappresentazione d’opera e di balletto, c’è un incontro e happy hour con gli artisti in Teatro.

“I GIOVEDI’ 30/35”

Il quarto e quinto passo sono altre due nuove proposte da scoprire. Come i “Giovedì 30/35″ che raccolgono un palinsesto parallelo alle serate in abbonamento con dieci date miste tra opere, balletti e concerti a prezzo speciale per chi ha meno di 36 anni, riduzione del 35% oppure del 50% per chi decide di acquistare un Carnet di almeno 3 giovedì. Ogni appuntamento è preceduto da un aperitivo per i ragazzi.

“INSIEME IN PALCO”

La formula “Insieme in palco” è pensata invece per condividere l’esperienza scaligera con altri giovani sotto i 36 anni, acquistando un palco intero da almeno 4 posti, su una larga selezione di date, e pagandolo a metà prezzo.

Una scena dell’opera “Boris Godunov” con il basso russo Ildar Abdrazakov (Foto di Marco Brescia & Rudy Amisano – Teatro alla Scala)

Ogni anno sono oltre 1.000 gli Abbonati Under30 e 30/35, un numero ulteriormente accresciuto da chi sottoscrive il Pass o partecipa alle singole serate speciali come le “Anteprime” o i “Giovedì” e che ha permesso al Teatro alla Scala di registrare una percentuale del 20% di pubblico sotto i trentacinque anni nell’ultima Stagione.

 

Antonio Garbisa
Antonio Garbisa
Giornalista professionista, critico musicale, teatrale e cinematografico, sono nato a Venezia dove mi sono diplomato al Liceo Classico Foscarini e laureato in Lettere con 110/110 e lode all'Università Ca' Foscari. Trasferitomi a Milano, mi sono diplomato in Comunicazioni Sociali all'Università Cattolica del Sacro Cuore. Ho collaborato con diverse testate: "Anna", "Classic Voice", "Libero", "TGR Lombardia", "TGCom", "Metro"
ARTICOLI CORRELATI
SEGUIMI

Articoli più recenti