giovedì, Ottobre 6, 2022
giovedì, 6 Ottobre 2022
HomeMusicaClassicaPatricia Kopatchinskaja chiude la stagione 2022 dell'OSN Rai a Torino

Patricia Kopatchinskaja chiude la stagione 2022 dell’OSN Rai a Torino

Patricia Kopatchinskaja chiude la stagione 2022 dell’OSN Rai a Torino. All’Auditorium Rai “Arturo Toscanini” si esibisce con l’Osn Rai, diretta da Marc Albrecht, giovedì 26 maggio, alle ore 20.30, in live streaming sul portale di Rai Cultura, e venerdì 27 maggio alle ore 20, con trasmissione in diretta su Radio3. Viene poi trasmessa in TV da Rai Cultura sul suo canale Rai5 giovedì 8 settembre in prima serata.

Il concerto segue altri in stagione 2022 di artisti prestigiosi come Veronika Eberle, Matthias Goerne e Mihoko Fujimura, Jgudesman & Joo, solo per citarne alcuni.

La violinista moldava Patricia Kopatchinskaja in concerto, il 26 e 27 maggio, a Torino (Foto di Marco Borggreve)

IL PROGRAMMA DEL CONCERTO

Per il suo ritorno con l’Orchestra Rai, dopo il concerto del gennaio 2018 per Rai NuovaMusica, propone il “Concerto n. 1 in la minore per violino e orchestra op. 77” di Dmitrij Šostakóvič, composto nel 1948 ma che, data la sua scrittura decisamente contraria ai dettami del regime sovietico, fu eseguito per la prima volta solo nel 1955, dopo la morte di Stalin. L’opera è dedicata al celebre violinista David Ojstrach, che volle vedere nella parte violinistica scritta da Šostakóvič un “ruolo shakespeariano”.

Albrecht chiude il concerto con la “Sinfonia in re minore” di César Franck, composta tra il 1886 e il 1888. Inizialmente accolta senza grande successo, diventò poi una delle opere più rappresentative del compositore e fu considerata cruciale per il rinnovamento della musica orchestrale francese che si stava definendo negli anni Ottanta del XIX secolo.

Il giovane talento violinistico Patricia Kopatchinskaja in concerto con l’OSN Rai, il 26 e 27 maggio, a Torino (Foto di Marco Borggreve)

GLI ARTISTI DEL CONCERTO

La violinista moldava Patricia Kopatchinskaja, apprezzata per la sua ecletticità, per l’ampiezza del repertorio e per la sua attenzione alla musica contemporanea, è ospite regolare delle più prestigiose orchestre e sale da concerto e dei più importanti festival mondiali. Considerata un’artista innovativa e radicale, ha vinto numerosi premi tra cui il “Recording of the Year Award 2013” indetto dalla rivista Gramophone e un Grammy Award nel 2019.

Il Maestro Marc Albrecht (Foto di Marco Borggreve)

Marc Albrecht è già Direttore principale dell’Opera Nazionale Olandese di Amsterdam e delle Orchestre Filarmoniche e da camera Olandesi.

Vincitore agli International Opera Awards 2019 come Miglior direttore, è interprete riconosciuto del repertorio tardo romantico tedesco e austriaco, da Wagner a Zemlinsky, da Richard Strauss a Korngold, ma la sua attività si estende anche alla musica contemporanea.

 

Antonio Garbisa
Antonio Garbisa
Giornalista professionista, critico musicale, teatrale e cinematografico, sono nato a Venezia dove mi sono diplomato al Liceo Classico Foscarini e laureato in Lettere con 110/110 e lode all'Università Ca' Foscari. Trasferitomi a Milano, mi sono diplomato in Comunicazioni Sociali all'Università Cattolica del Sacro Cuore. Ho collaborato con diverse testate: "Anna", "Classic Voice", "Libero", "TGR Lombardia", "TGCom", "Metro"
ARTICOLI CORRELATI
SEGUIMI

Articoli più recenti

Non puoi copiare i contenuti!