giovedì, Ottobre 6, 2022
giovedì, 6 Ottobre 2022
HomeTeatroMusicalQuarant'anni di "Forza venite gente" da celebrare con un tour per l'Italia

Quarant’anni di “Forza venite gente” da celebrare con un tour per l’Italia

Quarant’anni di “Forza venite gente” da celebrare con un tour. Già, perché la celebre commedia musicale, incentrata sulla figura di San Francesco d’Assisi scritta nel 1981 da Mario e Piero Castellacci, con la collaborazione di Renato Biagioli e Pietro Palumbo, celebra oggi i suoi “primi quarant’anni” con una nuova versione.

Mauro Mandolini (Pietro di Bernardone) e Stefano di Lauro (Frate Francesco)

Così questo spettacolo, diventato negli anni un cult “made in Italy”, sbarca, dopo il successo ottenuto ai primi di dicembre all’Auditorium della Conciliazione di Roma, sui palcoscenici del Belpaese.

IL TOUR

Quarant’anni di “Forza venite gente” da celebrare con un tour che va da Nord a Sud dell’Italia. Il 18 dicembre, con doppio spettacolo, alle 15.30 e alle 20.45, e il 19 dicembre, alle 15.30, è al Teatro Nuovo di Milano. Poi torna per Natale, dal 22 al 29 dicembre, a Roma, sempre all’Auditorium della Conciliazione.

Massimiliano Elia (Il Diavolo)

E per l’Epifania, dal 4 al 9 gennaio, al Teatro Alfieri di Torino, proseguendo il suo tour il 15 gennaio al Teatro Palapartenope di Napoli, il 29 e 30 gennaio al Teatro Team di Bari, il 6 febbraio al Teatro Verdi di Firenze e il 19 febbraio al Gran Teatro Morato di Brescia.

LA MESSINSCENA CON LA REGIA DI ARIELE VINCENTI

Si tratta di nuova versione di “Forza venite gente” con la regia di Ariele Vincenti e 20 performer sul palco tra attori, cantanti e ballerini. Una messinscena fedele all’originale per trama e contenuti, per sviluppo drammaturgico e partiture musicali, ma profondamente rinnovata nella tecnologia e nella qualità dell’allestimento.

Il cast di “Forza venite gente” al completo

Tanto da riportare il genere della Commedia Musicale, su musiche di Michele Paulicelli, Giampaolo Belardinelli e Giancarlo de Matteis, alle atmosfere di un musical di immagine nord-europea. Il tutto rimanendo profondamente ancorata alla maestosità di una figura, quella di San Francesco, che nel mondo, è icona della cultura apostolica ed emblema della spiritualità cattolica.

LA TRAMA

La vicenda, incentrata infatti sulla figura del Patrono d’Italia, racconta i valori e le emozioni della quotidianità. Ma dedica interessanti momenti e intense riflessioni sul rapporto tra padri e figli, spesso contaminato da aspettative diverse e da valori distanti che alimentano sofferenti dicotomie nella disperata ricerca di un reciproco amore.

Giulia Cecchini (Santa Chiara, collaboratrice di Francesco d’Assisi e fondatrice dell’ordine delle Clarisse)

In questo particolare caso un commerciante grezzo e banalmente materialista non può comprendere le mete superiori e trascendenti del figlio. San Francesco è considerato una figura rivoluzionaria nella Chiesa Cristiana. Papa Pio XII lo ha definito il “il più italiano dei santi e più santo degli italiani”. Forse una statura troppo alta per una personalità modesta come quella di suo padre, il mercante Pietro di Bernardone.

LO SPETTACOLO

“Forza venite gente” offre in questo spettacolo due diversi piani di lettura. Da una parte c’è la rappresentazione di una verità documentata, la descrizione di un contesto all’interno del quale si muove la figura di San Francesco d’Assisi. E dall’altra esplora il rapporto fra padri e figli che non ha bisogno di riferimenti storici perché fa parte della storia dell’umanità, di tutte le generazioni e di tutte le epoche.

Il cast di “Forza venite gente” al gran completo

Il cast è composto da Mauro Mandolini (Pietro di Bernardone), Stefano di Lauro (Frate Francesco), Giulia Gallone (La Cenciosa), Giulia Cecchini (Santa Chiara), Benedetta Iardella (La Povertà), Massimiliano Elia (Il Diavolo) e Simone Cravero (Il Lupo).

Dei solisti fanno parte invece Michele Balzano, Giovanni Boschini, Luca Capomaggi, Gioia Chiarini, Virginia Comazzetto, Christian Corsi, Andrea Gioia, Federica Milani, Greta Rodorigo, Martina Salvucci, Ciali Sposato e Veronica Zanin.

IL SUCCESSO INTERNAZIONALE DI “FORZA VENITE GENTE”

Nel lontano 9 ottobre 1981 “Forza venite gente” debuttò al Teatro Unione di Viterbo. Nel giro di pochi anni divenne un vero e proprio spettacolo-culto in Italia. Ma non solo. Perché riuscì a varcarne i confini geografici. Fu tradotta infatti in otto lingue, rappresentata in Brasile, Messico, Polonia, Ucraina, Albania e Bielorussia.

Benedetta Iardella (La Povertà)

Al suo attivo ha numeri davvero capogiro quelli di questo spettacolo musicale. Infatti questa commedia musicale vanta 3.500 repliche, oltre 2 milioni e 500 mila spettatori. E, soltanto a Roma, in Piazza San Giovanni, il 16 agosto 2000, per la Giornata Mondiale della Gioventù, lo spettacolo raccolse 250.000 presenze.

Mentre a Padova, allo Stadio Appiani, alla presenza di Papa Giovanni Paolo ll, assistettero alla rappresentazione oltre 30.000 spettatori. E il cd delle musiche originali ha venduto, negli anni, centinaia di migliaia di copie in Italia e all’estero.

 

 

 

 

 

 

 

 

Antonio Garbisa
Antonio Garbisa
Giornalista professionista, critico musicale, teatrale e cinematografico, sono nato a Venezia dove mi sono diplomato al Liceo Classico Foscarini e laureato in Lettere con 110/110 e lode all'Università Ca' Foscari. Trasferitomi a Milano, mi sono diplomato in Comunicazioni Sociali all'Università Cattolica del Sacro Cuore. Ho collaborato con diverse testate: "Anna", "Classic Voice", "Libero", "TGR Lombardia", "TGCom", "Metro"
ARTICOLI CORRELATI
SEGUIMI

Articoli più recenti

Non puoi copiare i contenuti!