martedì, Settembre 27, 2022
martedì, 27 Settembre 2022
HomeMusicaClassicaRiccardo Chailly chiude il ciclo dei "Concerti d’Autunno" della Filarmonica della Scala

Riccardo Chailly chiude il ciclo dei “Concerti d’Autunno” della Filarmonica della Scala

Il direttore principale Riccardo Chailly sale sul podio della Filarmonica, lunedì 22 novembre, alle ore 20, al Teatro alla Scala di Milano per dirigere l’ultimo appuntamento del ciclo dei “Concerti d’Autunno”. Sui leggii due affreschi romantici che colgono i riflessi della natura: da una parte la “Sinfonia n. 3 in la minore Op. 56 “Scozzese”” di Felix Mendelssoh-Bartholdy, di cui Chailly dirige la versione di Londra del 1842, e la “Sinfonia n. 6 in fa maggiore Op. 68 “Pastorale”” di Ludwig van Beethoven.

Riccardo-Chailly-Filarmonica-Foto-di-Giovanni-Hänninen-novembre-2021
Il Maestro Riccardo Chailly in concerto, il 22 novembre, al Teatro alla Scala di Milano sul podio della Filarmonica di cui è Direttore Principale (Foto di Stefano Guindani)

Il Maestro Chailly accosta qui due capolavori romantici per la loro ideale vocazione a rendere il genere sinfonico l’espressione di un percorso ideale, i cui contenuti erano però tutti da definire. La sensibilità romantica di Mendelssohn doveva portare il compositore a trovare anche in una tipologia paesaggistica, naturalistica, la giusta risoluzione del problema. Di qui l’idea di una Sinfonia “Scozzese”, come di una “Italiana”, i cui obiettivi non sono però certo descrittivi, i cui esiti non sono folcloristici.

Anche il dibattito sul valore da attribuire al programma della “Pastorale” beethoveniana ebbe origine probabilmente da una natura ambigua della Sinfonia. Beethoven s’invaghì del progetto ardito e sperimentale di comporre una Sinfonia cercando uno stile di mezzo tra l’antico e il moderno, inoltrandosi su un sentiero radicalmente nuovo anche per lui.

Consapevole che il suo progetto non era facile da comprendere l’autore si premurò di aggiungere nel manoscritto “più espressione del sentimento che pittura”. Da allora la critica ha oscillato come un pendolo tra letture di tipo rigorosamente ermeneutico e la negazione di qualsiasi rapporto tra forma musicale e descrizioni poetiche.

Antonio Garbisa
Antonio Garbisa
Giornalista professionista, critico musicale, teatrale e cinematografico, sono nato a Venezia dove mi sono diplomato al Liceo Classico Foscarini e laureato in Lettere con 110/110 e lode all'Università Ca' Foscari. Trasferitomi a Milano, mi sono diplomato in Comunicazioni Sociali all'Università Cattolica del Sacro Cuore. Ho collaborato con diverse testate: "Anna", "Classic Voice", "Libero", "TGR Lombardia", "TGCom", "Metro"
ARTICOLI CORRELATI
SEGUIMI

Articoli più recenti

Non puoi copiare i contenuti!