giovedì, Ottobre 6, 2022
giovedì, 6 Ottobre 2022
HomeRadio & TvJames Conlon e il violinista Nikolaj Szeps-Znaider in concerto a Torino con...

James Conlon e il violinista Nikolaj Szeps-Znaider in concerto a Torino con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai per i “Concerti d’Autunno”

Il Maestro James Conlon torna sul podio dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, il 25 novembre, alle 20.30, in live streaming sul portale di Rai Cultura, e il 26 novembre, alle 20, all’Auditorium Rai “Arturo Toscanini” di Torino con un concerto trasmesso poi, in differita, su Radio3. L’ultimo concerto del ciclo era stato quello dell’11 e 12 novembre diretto da James Feddeck con il pianista Alexander Melnikov.

 

James Conlon-Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai-violinista-Nikolaj Szeps Znaider-novembre-2021-Auditorium Rai-Torino-Brahms-Šostakovič
Il Maestro americano James Conlon sul podio dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai (Foto di Più Luce)

Insieme a lui è protagonista anche il grande violinista danese Nikolaj Szeps-Znaider, invitato regolarmente sia come virtuoso sia come direttore da prestigiose orchestre quali la London Symphony Orchestra, i Wiener Symphoniker e la New York Philharmonic.

Il celebre violinista propone una delle più celebri pagine del repertorio del suo strumento: il “Concerto in re maggiore op. 77 per violino e orchestra” di Johannes Brahms. L’opera fu scritta per il celebre violinista Joseph Joachim, che partecipò attivamente alla stesura della parte solistica. Brahms ottenne così la soluzione dei problemi che gli causava la scrittura violinistica e produsse un risultato altamente virtuosistico, ma perfettamente calibrato sulle possibilità dello strumento.

James Conlon-Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai-violinista-Nikolaj Szeps Znaider-novembre-2021-Auditorium Rai-Torino-Brahms-Šostakovič
Il violinista danese Nikolaj Szeps Znaider con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai (Foto di Più Luce)

Nella seconda parte del concerto Conlon propone la “Sinfonia n. 12 in re minore op. 112” di Dmitrij Šostakóvič, pubblicata nel 1961, il cui carattere visionario e celebrativo è indicato già dal titolo “L’anno 1917”, quello della Rivoluzione russa, e dalla dedica “Alla memoria di Vladimir Ilyich Lenin”. L’opera non è mai stata eseguita prima a Torino né dall’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, né precedentemente al 1994 dall’Orchestra Sinfonica di Torino della radiotelevisione italiana.

 

James Conlon-Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai-violinista-Nikolaj Szeps Znaider-novembre-2021-Auditorium Rai-Torino-Brahms-Šostakovič
(Foto di Più Luce)

Conlon, Direttore musicale dell’Opera di Los Angeles e Consulente artistico della Baltimore Symphony Orchestra, ha guidato l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai come Direttore principale per quattro anni, dal 2016 al 2020. Un rapporto, quello tra la compagine Rai e il grande direttore americano, che non si è mai interrotto, anche se alcuni dei suoi concerti previsti nell’ultimo anno e mezzo sono stati cancellati a causa dell’emergenza sanitaria e dell’impossibilità di viaggiare dagli Stati Uniti.

James Conlon-Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai-violinista-Nikolaj Szeps Znaider-novembre-2021-Auditorium Rai-Torino-Brahms-Šostakovič
(Foto di Più Luce)

Dall’altro canto, Nikolaj Szeps-Znaider è artista fra i più versatili e apprezzati del panorama attuale. Attivo sostenitore di giovani talenti, ha trascorso dieci anni come fondatore e direttore artistico alla scuola estiva annuale della Nordic Music Academy. Attualmente è Presidente del Concorso Internazionale “Carl Nielsen”, che si tiene ogni tre anni a Odense, in Danimarca.

 

Torna a suonare con l’Orchestra Rai in veste di violinista dopo il ciclo di tre concerti della primavera 2019 che lo vide protagonista rispettivamente come direttore, solista e in formazione cameristica.

 

Antonio Garbisa
Antonio Garbisa
Giornalista professionista, critico musicale, teatrale e cinematografico, sono nato a Venezia dove mi sono diplomato al Liceo Classico Foscarini e laureato in Lettere con 110/110 e lode all'Università Ca' Foscari. Trasferitomi a Milano, mi sono diplomato in Comunicazioni Sociali all'Università Cattolica del Sacro Cuore. Ho collaborato con diverse testate: "Anna", "Classic Voice", "Libero", "TGR Lombardia", "TGCom", "Metro"
ARTICOLI CORRELATI
SEGUIMI

Articoli più recenti

Non puoi copiare i contenuti!