giovedì, Ottobre 6, 2022
giovedì, 6 Ottobre 2022
HomeCinema"Una terrazza da paura" con 20 film horror open air, dal 10...

“Una terrazza da paura” con 20 film horror open air, dal 10 agosto al 4 settembre, alla Cineteca Milano MIC

Da martedì 10 agosto e fino al 4 settembre 2021 Cineteca Milano MIC inaugura “Estate Tabacchi”, la rassegna estiva di cinema in terrazza, con “Una terrazza da paura”, 20 film dedicati al filone horror.

"Il fantasma dell'opera"-film muto-1925-Rupert Julian-25 agosto-Cineteca Milano MIC
“Il fantasma dell’opera”, film muto del 1925 di Rupert Julian, tratto dall’omonimo romanzo di Gaston Leroux, in programmazione, mercoledì 25 agosto, alle ore 21.30, alla terrazza della Cineteca Milano MIC

Si prepara così un’estate da brividi per gli appassionati del genere con capolavori del muto, grandi classici, parodie di genere e tocchi d’autore. Insomma, un’occasione per rivedere grandi film capaci di esplorare i più diversi territori del nostro immaginario.

Per tutto il mese d’agosto si alternano capolavori del cinema muto come “Il fantasma dell’opera“, “Nosferatu il vampiro“, “La scala di Satana” e i classici “Il Mostro della Laguna Nera“, “Il bacio della pantera“, “Psyco“, “La mummia” e “Dracula“, con l’indimenticabile interpretazione di Bela Lugosi che è rimasta nella storia e ha avuto innumerevoli epigoni nella cinematografia successiva.

Boris Karloff al trucco prima d'interpretare, nel 1931, "Frankenstein" di James Whale
“Frankenstein” di James Whale del 1931, tratto dall’omonimo romanzo di Mary Shelley e dall’adattamento teatrale di Peggy Webling, proiettato, martedì 17 agosto, alla terrazza della Cineteca Milano MIC

La rassegna è costruita affiancando ai capolavori del cinema horror le parodie del genere. Così in programma troviamo “Frankenstein” di James Whale del 1931, dove il personaggio di Frankenstein è interpretato da Boris Karloff che è stato d’ispirazione e modello per tutte le pellicole successive, e la sua parodia “Frankenstein Junior” di Mel Brooks, film diventato cult per le sue celebri battute.

 

Oppure “The Rocky Horror Picture Show“, che inaugura la rassegna il 10 agosto, emblematica derisione degli stereotipi del genere gotico in cui la notte buia e tempestosa, i personaggi misteriosi e mostruosi e il castello infestato diventano una caricatura rivoluzionaria e dissacrante del genere.

Un'immagine del film "The Rocky Horror Picture Show" di Jim Sharman
E’ “The Rocky Horror Picture Show”, celebre film di Jim Sharman del 1975 con Susan Sarandon e Tim Curry ad inaugurare, martedì 10 agosto 2021, alle ore 21.30, la rassegna “Una terrazza da paura” alla Cineteca Milano Mic

O ancora il film “Un lupo mannaro americano a Londra” in cui John Landis mescola la demenzialità con il brivido facendo il verso ai film horror a tema licantropia.

Il 21 agosto viene proiettato "Un lupo mannaro americano a Londra" di John Landis per la rassegna "Una terrazza da paura"
In programma, sabato 21 agosto, alle 21.30, sulla terrazza della Cineteca Milano MIC è “Un lupo mannaro americano a Londra” di John Landis del 1981, con David Naughton e Jenny Agutter

 

 

 

 

 

In rassegna anche film fantascientifici di serie B che hanno spopolato nell’America degli anni Cinquanta, gli Sci-fi B-Movies, diventando dei veri e propri cult come “Tarantola” di Jack Arnold, “L’invasione degli ultracorpi” di Don Siegel, “La cosa da un altro mondo” di Christian Nyby, “L’ultimo uomo sulla terra” di Ubaldo Ragona.

Il 14 agosto, alle ore 21.30, è la volta di "La forma dell’acqua – The Shape of Water" di Guillermo Del Toro sulla terrazza della Cineteca Milano MIC
la locandina de “La forma dell’acqua – The Shape of Water” di Guillermo Del Toro del 2017 con Sally Hawkins e Michael Shannon, in cartellone sabato 14 agosto, alle ore 21.30, alla Cineteca Milano MIC

Non mancano poi all’appello titoli decisamente più virati sui toni della commedia come “La piccola bottega degli orrori“, “I maghi del terrore” e il più recente e pluripremiato “La forma dell’acqua“.

 

 

 


IL CALENDARIO


Martedì 10 agosto ore 21.30
The Rocky Horror Picture Show 
Jim Sharman, UK, 1975, HD, 95’. Int.: Susan Sarandon, Tim Curry.
Janet e Brad, fidanzati molto perbene, trovano rifugio da un temporale in un inquietante castello. Film mitico, tratto dall’omonimo musical britannico, è un inno alla cultura pop nei suoi aspetti più umoristicamente trasgressivi.

Mercoledì 11 agosto ore 21.30
Il mostro della laguna nera
Jack Arnold, USA, 1954, HD, 79’. Int.: Richard Carlson, Julie Adams.
Una spedizione di biologi parte per l’Amazzonia dov’è stata segnalata la presenza di un misterioso animale preistorico. Il mostro anfibio è catturato, ma fugge. Piccolo film divenuto nel tempo un autentico cult movie.

Giovedì 12 agosto ore 21.30
La Scala di Satana
Benjamin Christensen, USA, 1929, b/n, HD, 60’, muto, didascalie italiane, sonorizzata. Int.: Creighton Hale, Thelma Todd.
Le disavventure di due fidanzati dell’alta società intrappolati in una misteriosa casa dai mille pericolosi misteri. Un film brillante dal tono avventuroso e a tratti scanzonato tipico dell’epoca d’oro hollywoodiana prima del crollo di Wall Street.

Venerdì 13 agosto ore 21.30
L’uomo invisibile
James Whale, tratto dall’omonimo romanzo di H.G. Wells, USA, 1933, b/n, HD, 68’. Int.: Claude Rains, Gloria Stuart.
In una locanda del Sussex compare un misterioso ospite dal volto bendato: si scoprirà essere lo scienziato Jack Griffin, vittima dei propri esperimenti sull’invisibilità.

Sabato 14 agosto ore 21.30
La forma dell’acqua – The Shape of Water
Guillermo Del Toro, USA, 2017, HD, 119’. Int.: Sally Hawkins, Michael Shannon.
La storia d’amore fra una ragazza muta e una creatura anfibia intelligente e sensibile tenuta prigioniera in un laboratorio scientifico. Film pluripremiato, ha vinto 4 oscar e il Gran Premio della Giuria al Festival di Venezia 2017.

Martedì 17 agosto ore 21.30
Frankenstein
James Whale, tratto dall’omonimo romanzo di Mary Shelley e dall’adattamento teatrale di Peggy Webling, USA, 1931, b/n, HD, 70’. Int.: Boris Karloff, Colin Clive.
Il dottor Frankenstein dà vita a una creatura assemblata con parti di cadaveri, nel tentativo di scoprire il segreto dell’immortalità. A causa di un cervello guasto, il mostro diventerà pericoloso e aggressivo, seminando il panico nella piccola comunità. Dopo questa versione cinematografica il personaggio di Frankenstein sarà universalmente riconosciuto con il volto di Boris Karloff, che sarà di ispirazione e modello per tutte le pellicole successive.

Mercoledì 18 agosto ore 21.30
La piccola bottega degli orrori
Frank Oz, ispirato all’omonimo musical di Alan Menken e Howard Ashman, USA, 1986, HD, 94’. Int.: Rick Moranis, Ellen Greene.
A New York, Seymour fa il commesso in un negozio di fiori ed è innamorato della collega Audrey, fidanzata con un odioso dentista. Quando il negozio rischia di chiudere, per attirare clienti si decide di esporre una bizzarra pianta carnivora. Il vegetale ha successo, ma per vivere ha bisogno di sangue umano! Candidato al premio Oscar per i Migliori effetti speciali.

Giovedì 19 agosto ore 21.30
La mummia
Karl Freund, USA, 1932, b/n, HD, 73’. Int.: Boris Karloff, Zita Johann.
La mummia del sacerdote egiziano Imhotep viene riportata alla luce da alcuni archeologi inglesi. Imhotep, tornato in vita grazie a un formula magica, farà di tutto per ricongiungersi con la bellissima principessa che lui amava reincarnatasi in una giovane donna. Archetipo insuperato dei molti sequel, anche recenti, successivamente realizzati.

Venerdì 20 agosto ore 21.30
Tarantola
Jack Arnold, USA, 1955, b/n, HD, 80’. Int.: John Agar, Mara Corday.
Il dottor Gerald Deemer ha messo a punto la formula di uno speciale cibo ultranutriente, ma, oltre a provocare irreversibili danni negli umani, gli esperimenti danno infatti luogo alla smisurata crescita di una tarantola. Il film è il perfetto paradigma dei B-movie americani degli anni Cinquanta.

Sabato 21 agosto ore 21.30
Un lupo mannaro americano a Londra 
John Landis, USA, 1981, HD, 97’. Int.: David Naughton, Jenny Agutter.
Azzannato da un lupo mannaro nella brughiera inglese, Jack diventa un licantropo che, con la luna piena, si trasforma in mostro sanguinario. Landis si cimenta con successo in un film nel quale coniuga elementi classici del genere horror con uno spiccato senso dell’umorismo tipico di altri suoi lavori.

Martedì 24 agosto ore 21.30
L’invasione degli ultracorpi
Don Siegel, tratto dall’omonimo romanzo di Jack Finney, USA, 1956, HD, b/n, 80’. Int.: Kevin McCarthy, Dana Wynter.
Nella tranquilla cittadina di Santa Mira, in California, all’improvviso uomini, donne e bambini non riconoscono più i familiari e scappano da loro. Un medico scopre la verità: gli abitanti sono stati duplicati e sostituiti da una misteriosa razza aliena priva di emozioni. Tra i più celebri b-movies fantascientifici degli anni Cinquanta, diventato un cult del genere.

Mercoledì 25 agosto ore 21.30
Il fantasma dell’opera
Rupert Julian, tratto dall’omonimo romanzo di Gaston Leroux, USA, 1925, HD, 79’, muto, didascalie italiane, sonorizzato. Int.: Lon Chaney, Mary Philiin.
La storia di Erik, genio della musica orrendamente sfigurato che vive nei sotterranei dell’Opera di Parigi e che farà di tutto per condurre al successo la giovane cantante Christine, da lui amata. La celebre maschera del protagonista è da sempre un’icona della storia del cinema.

Giovedì 26 agosto ore 21.30
Dracula
Tod Browing, tratto dall’omonimo romanzo di Bram Stoker, USA, 1931, b/n, HD, 75’. Int.: Bela Lugosi, Dwight Frye.
L’agente immobiliare Renfield si reca in Transilvania per vendere l’abbazia di Carfax appartenente al conte Dracula, che si scoprirà essere un vampiro immortale. L’interpretazione di Bela Lugosi rimarrà nella storia e avrà innumerevoli epigoni nella cinematografia successiva.

Venerdì 27 agosto ore 21.30
Frankenstein Junior 
Mel Brooks, USA, 1974, b/n, HD, 106’. Int.: gene Wilder, Marty Feldman.
L’esperimento del dottor Frankenstein, americano in trasferta in Transilvania dove si impegnerà a restituire la vita a un cadavere. Parodia del romanzo di Mary Shelley e dei celebri film ad esso ispirati.

Sabato 28 agosto ore 21.30
Psyco 
Alfred Hitchcock, tratto dall’omonimo romanzo di Robert Bloch, USA, 1960, b/n, 109’. Int.: Anthony Perkins, Janet Leigh.
Una donna, in fuga dopo aver rubato una grossa somma di denaro, si ferma ad un solitario motel, gestito dal giovane e inquietante Norman Bates. Maggior successo commerciale di Hitchcock, che fa conquistare a Janet Leigh il Golden Globe per la Migliore attrice non protagonista.

Martedì 31 agosto ore 21.30
Il bacio della pantera 
Jacques Tourneur, USA, 1942, b/n, HD, 73’. Int.: Simone Simon, Kent Smith.
La disegnatrice serba Irena Dubrovna si innamora, ricambiata, dell’americano Oliver Reed e accetta di sposarlo pur terrorizzata dalla propria convinzione di potersi trasformare in pantera se sottoposta a emozioni violente. Sofisticato horror dalle rarefatte e angosciose atmosfere.

Mercoledì 1 settembre ore 21.30
La cosa da un altro mondo 
Christian Nyby, Howard Hawks, tratto dall’omonimo racconto di John W. Campbell, USA, 1951, b/n, HD, 87’. Int.: Kenneth Tobey, Margaret Sheridan.
In una base di ricerca in Alaska, un gruppo di scienziati, accompagnato dal capitano scopre un disco volante intrappolato sotto i ghiacci e ne estrae un misterioso corpo alieno. L’essere misterioso si rivelerà essere una sorta di vegetale che si nutre di sangue, decimando i membri della base. Un classico del cinema sci-fi degli anni Cinquanta.

Giovedì 2 settembre ore 21.30
I maghi del terrore 
Roger Corman, USA, 1963, HD, 86’. Int.: Vincent Price, Peter Lorre.
Il mago Bedlo è stato trasformato in un corvo dallo stregone Scarabus. Insieme al dottor Craven, Bedlo prepara la sua vendetta contro Scarabus, che nel frattempo ha iniziato a vivere con Lenore, amatissima moglie di Craven, che lui credeva morta da tempo. Toni parodici in un film con tre attori leggendari come Vincent Price, Peter Lorre e Boris Karloff.

Venerdì 3 settembre ore 21.30
Nosferatu il vampiro (Nosferatu, Eine Symphonie des Grauens)
Friedrich  Wilhelm Murnau, tratto dal romanzo Dracula di Bram Stoker, Germania, 1922, b/n, DCP, 94’, muto, didascalie italiane. Int.: Max Schreck, Alexander Granach.
Un uomo, Hutter, si reca nei Carpazi per una transazione commerciale con il conte Orlok. Ospite nel castello del conte, scopre ben presto che questi è un vampiro che da secoli terrorizza la regione. Capolavoro indiscusso di Murnau che rischio, per una sentenza di plagio, di essere perduto per sempre.

Sabato 4 settembre ore 21.30
L’ultimo uomo della terra
Ubaldo Ragona, tratto dal romanzo Io sono leggenda di Richard Matheson, Italia/USA, 1964, b/n, HD, 86’. Int.: Vincent Price, Franca Bettoia.
Un misterioso virus ha trasformato tutti gli esseri umani in vampiri. L’ultimo sopravvissuto è uno scienziato che si mette alla disperata ricerca di un antidoto. Film precursore del filone zombie degli anni Sessanta, per lungo tempo rimasto nell’oblio e solo da poco riscoperto come cult del genere.

Antonio Garbisa
Antonio Garbisa
Giornalista professionista, critico musicale, teatrale e cinematografico, sono nato a Venezia dove mi sono diplomato al Liceo Classico Foscarini e laureato in Lettere con 110/110 e lode all'Università Ca' Foscari. Trasferitomi a Milano, mi sono diplomato in Comunicazioni Sociali all'Università Cattolica del Sacro Cuore. Ho collaborato con diverse testate: "Anna", "Classic Voice", "Libero", "TGR Lombardia", "TGCom", "Metro"
ARTICOLI CORRELATI
SEGUIMI

Articoli più recenti

Non puoi copiare i contenuti!